Semalt avverte dei 9 errori più comuni in Google Ads



C'è solo un'azienda che guadagna da campagne Google Ads mal impostate: questa è Google. È molto facile iniziare a fare pubblicità. Tuttavia, senza la giusta conoscenza, sentirai dolorosamente gli effetti di una campagna non ottimizzata. Come risparmiare facilmente un budget e ottenere molti più clic? Leggi l'articolo qui sotto!

Perché vale la pena utilizzare Google Ads? E perché è così facile bruciare il loro budget?

La pubblicità sulla rete di ricerca di Google spesso non viene vista dagli utenti come pubblicità, ma come risposta a una domanda. Grazie a questo, raggiungi esattamente il tuo gruppo target che è attualmente interessato al tuo prodotto. In Google Ads, puoi selezionare un gruppo target preciso: per dati demografici, `posizione o interessi. Un altro vantaggio delle campagne pubblicitarie su Google è la velocità. Ciò è particolarmente importante all'inizio dell'esistenza della tua azienda, quando vuoi occuparti delle vendite. a differenza di posizionamento, la raccolta dei profitti può avvenire in pochi giorni.

Google Ads è molto efficace nell'incoraggiarti ad avviare una campagna. Tenta con coupon (come spendere X $ per ottenere Y $ di budget aggiuntivo), il aiuto di consulenti come l'agenzia Semalt e un lancio della campagna molto semplice. Il processo è troppo facile. Ci sono inciampi finanziariamente dolorosi per qualcuno che non ha dedicato tempo allo studio dell'argomento.

Esempio 1

Un potenziale cliente ha speso 12.000 $ ogni mese (budget suggerito da Google). Durante l'audit dell'account, siamo giunti alla conclusione che solo 4.000 $ sarebbero stati sufficienti, oltre a risultati molto migliori, ovviamente con l'ottimizzazione appropriata della campagna.

Esempio 2

Un cliente aveva un budget giornaliero di $ 200 e l'intero budget mensile impostato su $ 350. Gli è stato suggerito da un consulente Google Ads che voleva mostrare risultati rapidi e incoraggiarlo a continuare a investire.

Offerte in Google Ads

Maggiore è la percentuale per clic, più spesso viene visualizzato il tuo annuncio. Le tariffe variano in base al settore, al mercato e al punteggio di qualità. Google suggerisce un budget, ma puoi sempre abbassarlo grazie a un'efficace ottimizzazione della campagna.

Errore â „- 1. Inserimento di parole chiave senza corrispondenze

Un errore che consumerà sicuramente il tuo budget e non ti porterà alcun traffico prezioso è la selezione di parole chiave a corrispondenza generica. Quindi il tuo annuncio con la frase, ad es. "Ufficio contabilità Katowice" verrà visualizzato su tutte le frasi che hanno le parole "ufficio", "contabilità" o "Katowice". Non lo vorresti.

Esempio 3

Il cliente imposta la frase "distribuzione volantino" in una corrispondenza generica. In quale frase è apparso il suo annuncio? Distribuzione dei farmaci. Non proprio secondo il suo piano.

Esempio 4

Il cliente ha usato la frase "cartelloni pubblicitari". Il traffico maggiore proveniva dalla frase "arrivi e partenze di Pyrzowice" e ha assorbito la maggior parte del budget.

Usa le partite con saggezza! La frase a corrispondenza esatta (tra parentesi quadre) verrà visualizzata solo per quella parola chiave. La corrispondenza a frase (tra virgolette) verrà visualizzata solo per le parole chiave che contengono questa frase, ovvero "cartelloni pubblicitari" apparirà su "cartelloni pubblicitari di Katowice" o "cartelloni economici". La corrispondenza con un modificatore (con un segno più), simile a una corrispondenza a frase, visualizzerà un annuncio per frasi contenenti le parole chiave selezionate. La differenza è che l'ordine delle parole non è importante, quindi l'annuncio verrà visualizzato sia sui "cartelloni pubblicitari di Katowice" che sui "cartelloni pubblicitari di Katowice".

Quando crei il tuo piano per le parole chiave, presta molta attenzione alle corrispondenze.

Non dimenticare le corrispondenze negative: in questo modo puoi evitare le parole per le quali non vuoi essere visualizzato. Se sai che Allegro o OLX hanno prodotti più economici dei tuoi, puoi usare questi marchi come parole negative.

Come scegliere le migliori frasi per il tuo sito web?

Uno strumento utile è lo Strumento di pianificazione delle parole chiave, che si trova direttamente nello strumento Google Ads. Qui puoi inserire frasi che ti verranno in mente e il Planner mostrerà quanto viene cercata una determinata parola al mese e quali sono le sue tariffe, e suggerisce altre frasi simili.

Come scegliere il gruppo target?

Ricorda chi è stato il tuo miglior cliente ultimamente - ha comprato molto, pagato in tempo, era consapevole, comunicato bene - e su questa base scegli il cliente ideale, ovvero il gruppo target.

Errore… 2. Troppe parole chiave sono state inserite in un gruppo di annunci

L'annuncio viene mostrato a gruppi di annunci specifici. È un errore aggiungere tutte le parole chiave a un gruppo di annunci e creare 1-2 creatività dell'annuncio in base a questo. La frase chiave deve essere nel contenuto dell'annuncio. Se crei creazioni per tazze, bacheche, volantini, ognuno di essi deve avere il proprio gruppo di annunci, non uno generalmente correlato a gadget pubblicitari. Oggi è sempre più comune che una singola parola chiave abbia un gruppo di annunci e più creatività diverse.

Punteggio di qualità in Google Ads

Il punteggio di qualità è influenzato dalla corrispondenza delle frasi all'offerta, dalla cronologia dell'account, dalla corrispondenza della pagina di destinazione, dalla cliccabilità, quindi migliori sono gli annunci che crei, maggiore sarà il punteggio di qualità che otterrai. E Google ti ricompenserà con offerte inferiori e classifiche più alte.

Errore â „- 3. Scegliere la Rete Display e la rete di ricerca senza conoscere le differenze

IMPORTANTE! La rete di ricerca sono annunci di testo che vengono visualizzati nei risultati di ricerca di Google. D'altra parte, il file rete pubblicitaria sono le creazioni pubblicitarie che compaiono sui portali internet. Quando si imposta una campagna, molte persone scelgono entrambi per impostazione predefinita, ma le reti sono molto diverse.

La rete di ricerca è più costosa, ma ha anche una percentuale di clic (CTR) più elevata, pari a diversi punti percentuali. D'altra parte, la rete pubblicitaria è molto più economica, ma il suo CTR è di diversi punti percentuali. Pertanto, se utilizzi una rete pubblicitaria senza pensare, puoi abbassare il CTR complessivo, che abbasserà anche il tuo punteggio di qualità. La differenza nel CTR è che le persone sulla rete pubblicitaria non sono nella fase di vendita, quindi potrebbero non aver bisogno di approfittare della tua offerta.

La rete pubblicitaria viene spesso utilizzata per scopi di immagine. Rafforza la consapevolezza e la visibilità del marchio: il logo e il nome vengono visualizzati e ricordati tutto il tempo da qualche parte. In futuro, se il cliente prende una decisione di acquisto, può tornare a il tuo sito.

Che tipo di annunci dovrei scegliere per il mio negozio online?

Per i principianti, consigliamo sempre gli annunci di testo sulla rete di ricerca: grazie a questo raggiungerai coloro che stanno attualmente cercando il tuo prodotto/servizio. Il passaggio successivo è il remarketing, che ti ricorda la Rete Display di quei clienti che erano sul tuo sito e non hanno effettuato un acquisto. Anche Google Shopping è una buona opzione.

Annunci di Google Shopping

Questa è ancora un'area meno competitiva in quanto l'impostazione della tua campagna richiede molto più lavoro. Il costo dei clic è inferiore. Tuttavia, non tutti i prodotti sono adatti a questo scopo. Devono essere in grado di competere in termini di prezzo, accessibilità e visibilità, perché le offerte della concorrenza appariranno accanto a te. Tuttavia, è un ottimo modo per mostrare i tuoi prodotti.

Budget e dimensioni della campagna

Se hai un budget limitato, inizia con alcune frasi selezionate per i prodotti più importanti e prova per 2/3 settimane. Un budget maggiore ti consente di controllare in generale le categorie di prodotti o le frasi chiave ed espandere la tua campagna con il remarketing o una rete pubblicitaria.

Errore â „- 4. Omettendo frasi negative

Controlla regolarmente in quali frasi viene visualizzato il tuo annuncio. Completa regolarmente le frasi negative: non vuoi che compaiano sui nomi dei concorrenti o frasi completamente estranee alla tua attività. Non troverai una conversione qui e puoi bruciare il tuo budget.

Errore â „- 5. Saltare le estensioni

L'uso delle estensioni non costa nulla: basta compilare i campi appropriati con le informazioni. Ogni volta che, secondo Google, la visualizzazione di un'estensione è rilevante, la utilizzerà. Le estensioni rendono la creatività pubblicitaria più attraente, aumentano la visibilità e la superficie dell'annuncio, informano l'utente e questo porta a più clic. Inoltre, Google premia gli annunci con estensioni.

Cosa deve esserci nel contenuto del tuo annuncio di testo sulla rete di ricerca?

  1. Innanzitutto, controlla la concorrenza: quali estensioni utilizza, quali titoli ha, ha promozioni, come formula il contenuto dell'annuncio?
  2. I tuoi contenuti DEVONO includere parole chiave, idealmente sia nel titolo che nel corpo, che aumentano le tue possibilità di essere cliccato.
  3. È necessario mantenere la grammatica, la punteggiatura e l'ortografia corrette.
  4. Non puoi inserire più di un punto interrogativo o punto esclamativo, parole come "migliore": ogni creatività pubblicitaria viene visualizzata da un dipendente e può essere visualizzata.
  5. Dovresti mettere un invito all'azione alla fine del tuo contenuto.
Le estensioni rendono l'annuncio più attraente e lo distinguono dalla concorrenza.

Errore â „- 6. Invito all'azione mancante (CTA)

CTA è il cosiddetto invito all'azione. Queste sono frasi come "Controlla oggi", "Guardaci!", "Approfitta!". Sembra infantile, ma funziona. Abbiamo fatto dei test per una delle campagne. Abbiamo pubblicato annunci senza CTA e CTR. Il risultato è stato unilaterale: anche gli annunci che avevano un invito all'azione alla fine avevano un CTR di quasi due volte.

Errore â „- 7. Nessun remarketing

L'utente medio ha bisogno di 7-15 visite con un marchio per prendere una decisione di acquisto:
  • Fare clic e andare sul sito Web non è sufficiente: circa il 3% degli utenti effettuerà la transazione. Il resto se ne andrà. È qui che il remarketing li raggiunge, ricordando loro il marchio, rafforzando l'immagine e incoraggiandoli a visitare nuovamente il sito web.
  • Il remarketing non può essere noioso e invadente. Testo e grafica devono essere modificati di tanto in tanto.
  • Il remarketing può essere multi-step, ad es. a chi ha visitato il tuo sito negli ultimi 7/30/60 giorni. Queste persone si trovano in diverse fasi dell'imbuto di vendita e richiedono diverse creazioni pubblicitarie.
  • Ruota annunci: mostra allo stesso utente diversi annunci diversi con contenuti diversi che incoraggerebbero attività diverse. Di conseguenza, gli annunci vengono percepiti in modo più naturale.
Remarketing: Ricorda a te stesso le persone che sono state sul tuo sito ma non hanno effettuato un acquisto.

Errore â „- 8. Stai solo guardando la campagna - e non stai pensando al tuo sito web

Prima di iniziare una campagna, devi preparare adeguatamente il tuo sito web. Deve funzionare correttamente in termini di tecnologia e usabilità. Il tuo potenziale cliente non ha il diritto di perdersi - il sito web DEVE essere preparato per la conversione:
  • Il contenuto e la grafica del sito web devono incoraggiare le vendite e informare sul prodotto.
  • Il sito Web stesso deve contenere informazioni di base come i dettagli dell'azienda o le politiche del negozio.
  • Hai bisogno di un numero di telefono cliccabile, e-mail, modulo di contatto, puoi anche aggiungere una chat dal vivo. Ogni utente preferisce una diversa forma di contatto: dai loro una scelta.
IMPORTANTE! Il collegamento dall'annuncio deve portare direttamente alla sottopagina a cui si riferisce l'annuncio - a una categoria oa un'offerta specifica. Se l'annuncio riguarda un prodotto e ti colleghi alla home page, l'utente se ne andrà immediatamente.

Una pagina di vendita ben progettata è essenziale per una campagna Google Ads di successo.

Errore â „- 9. Gli account Google Ads e Analytics non sono collegati

Google Analytics è uno strumento gratuito che mostra i dati comportamentali dei tuoi utenti - quanti entrati e usciti, quanti hanno visto altre sottopagine, quanto tempo hanno trascorso su di esse - è impossibile ottimizzare efficacemente una campagna senza questi dati. Puoi anche vedere quali parole chiave e annunci generano traffico in Google Analytics. Se gli account non sono collegati, il traffico proveniente da Google Ads confluisce nel traffico proveniente dai risultati organici.

Conclusione

Se Google AdWords "apparentemente" non funziona, controlla di nuovo tutto. Potresti fare qualcosa di sbagliato e trovare la soluzione giusta per migliorare clic, visite e conversioni.

La mia raccomandazione

Inizia con un budget giornaliero basso e poche ma efficaci parole chiave a corrispondenza esatta. Ottimizzare e monitora regolarmente i tuoi annunci e se vedi che tutto si adatta, aumenta il tuo budget a poco a poco. Dal mio punto di vista, AdWords è ancora un ottimo modo per raggiungere rapidamente nuovi utenti e clienti purché le campagne siano impostate correttamente.